Chiese

di Giovedì, 07 Aprile 2016

sono presenti diverse Chiese sul territorio di Drena.

1943 - 1943/04/27 (costruzione grotta e sentiero intorno)

Tra il gennaio e il febbraio del 1943 alcuni minatori originari di Drena emigrati in Belgio fecero brillare delle mine per costruire la grotta antistante alla cappella che a tutt'oggi ospita il gruppo scultoreo della Madonna di Fatima. Nello stesso periodo fu costruito il sentiero che sale alla cappella. Il 27 aprile 1943 nella grotta fu collocato il gruppo scultoreo della Madonna venerata da Lucia Dos Santos e dei suoi cugini Francesco e Giacinta Marto, opera della ditta Tullio de Tassis di Trento.DescrizioneLa piccola cappella venne costruita nel 1949 nel luogo in cui pochi anni prima (1943) alcuni minatori locali emigrati in Belgio realizzarono la grotta che accoglie il gruppo scultoreo della Madonna e dei tre pastorelli di Fatima. La cappella è raggiungibile con una breve camminata attraverso un sentiero abbellito da aiuole e fontanelle. L'edificio, preceduto da una scalinata, è orientato a sud-est e si sviluppa su una pianta rettangolare. La facciata, a due spioventi, è caratterizzata da un portale a pieno centro, profilato da conci lapidei e chiuso da cancellata. Le fiancate sono lisce e presentano ciascuna una finestra lunettata. Alla semplicità degli esterni corrisponde quella degli interni, finiti a intonaco tinteggiato e abbelliti da uno zoccolo perimetrale dipinto a finto marmo e da un paesaggio montano eseguito a tempera, che fa da sfondo al crocifisso appeso alla parete di fondo dell'aula.

Chiesetta degli Alpini a Malga Campo

Chiesa San Vigilio

Chiesa Santa Maria del Carmine (Braila).

Immagine decorativa

La cappella di San Carlo Borromeo venne edificata nel 1885 per volontà di Carlo Filosi, che possedeva una casa colonica in località Luch. La cappella di San Carlo Borromeo si trova nella piccola borgata di Luch, località del comune di Drena. L'edificio, orientato a sud-est, si articola su una pianta rettangolare con asse maggiore longitudinale, conclusa da abside semicircolare. 

Analoghi a questo

di Giovedì, 07 Aprile 2016
pagina_sito

sono presenti diversi capitelli sul territorio di Drena.

di Giovedì, 07 Aprile 2016
pagina_sito

In allestimento

di Giovedì, 07 Aprile 2016
pagina_sito

In allestimento

di Giovedì, 07 Aprile 2016
pagina_sito

spazio per spettacoli e/o matrimoni

di Sabato, 25 Agosto 2012

Municipio

di Giovedì, 07 Aprile 2016

Uno stretto e indissolubile vincolo lega da molti secoli Drena al suo Castello. Un Castello austero tipicamente medioevale arroccato com’è in cima a una contrafforte roccioso a difesa e a controllo del profondo solco scavato dal Rio Salagoni e delle valli del Sarca e di Cavedine. 

All'interno del castello è possibile visitare una mostra permanente di reperti. 

ORARI DI APERTURA 
Marzo - Ottobre dalle 10:00 alle 18:00
Lunedì chiuso 

Novembre - Dicembre - Febbraio Sabato e Domenica
dalle 10:00 alle 18:00

Il Castello è chiuso al pubblico tutti i lunedì tranne il 16 agosto 2018.

Altre chiusure:

domenica primo aprile e lunedì 2 aprile (Pasqua)

martedì primo maggio

sabato 30 giugno

mercoledì 15 agosto

martedì 25 dicembre

mercoledì 26 dicembre.

Forse ti può interessare

di Mercoledì, 23 Maggio 2012

In ecologia il biotopo è un'area di limitate dimensioni (ad esempio uno stagno, una torbiera, un altipiano) di un ambiente dove vivono organismi vegetali ed animali di una stessa specie o di specie diverse, che nel loro insieme formano una biocenosi. Biotopo e biocenosi formano una unità funzionale chiamata ecosistema. Il biotopo è dunque la componente dell'ecosistema caratterizzata da fattori abiotici (non viventi), come terreno o substrato, con le sue caratteristiche fisiche e chimiche, temperatura, umidità, luce e così via, ma non considerata disgiunta dalla componente biologica.

In alcuni biotopi si ritrova un insieme di caratteristiche specifiche e particolari, non facilmente riproducibili altrove. In tali casi, il biotopo può rivestire particolare importanza in quanto può rappresentare l'unico luogo dove vivono specie autoctone. A volte, questo insieme di caratteristiche peculiari è frutto di un equilibrio instabile, come avviene per esempio negli ambienti salmastri di laguna, che sono in costante evoluzione; questo rende fragile l'ecosistema che si regge su quel biotopo.

di Martedì, 28 Agosto 2012
ambito
di Sabato, 01 Settembre 2012
area_interesse
di Sabato, 01 Settembre 2012
area_interesse_sottoarea
di Sabato, 01 Settembre 2012
area_interesse_sottoarea
di Sabato, 01 Settembre 2012
area_interesse_sottoarea